Ecopolis NEWS‎ > ‎

Due parole sull'assemblea di Condominio e i suoi numeri

pubblicato 24 mar 2010, 08:29 da Angolo Orso   [ aggiornato in data 24 mar 2010, 15:55 ]
I
l sito proprietaricasa.org si occupa di problematiche legate al difficile ruolo di proprietari di casa.
Ho trovato un interessante articolo che spiega in modo semplice e chiaro cosa è e come funziona un'assembela di condominio.

Ve ne propongo alcuni stralci,  rimanandovi alla lettura dell'articolo completo sul sito .


Hanno diritto di partecipare alla assemblea e, di conseguenza, devono essere avvisati nelle forme dell'art. 66 disp. att. tutti i condomini. All'assemblea è affidata dalla legge la funzione di provvedere alla gestione ordinaria e straordinaria delle parti e dei servizi comuni nonché al controllo della medesima.

Durante l'assemblea si forma una volontà comune, collegiale, distinta ed autonoma da quella dei singoli partecipanti. Infatti è sufficiente la maggioranza per esprimere una delibera valida, inoltre le delibere sono obbligatorie per tutti i condomini anche assenti o dissenzienti (salva facoltà della impugnazione delle delibere contrarie alla legge o al regolamento), le norme relative alla validità della costituzione dell'assemblea e alla validità delle delibere sono inderogabili (art. 1138 Codice civile ).

Calcolo delle maggioranze necessarie per le deliberazione.

Per la validità delle deliberazioni non basta la sola maggioranza millesimale, ma occorre anche quella di teste cioè di numero numero di persone presenti, questo al fine di evitare che una sola persona proprietaria di mezzo condominio decida di fare lui solo il bello o il brutto tempo.

Tabella riassuntiva:

maggioranze minime occorrenti validità della regolare costituzione dell'assemblea validità delibere su questioni ordinarie, spese di manutenzione ordinaria, ecc. validità delibere su nomina e revoca amministratore, riparazioni straordinarie di notevole entità, formazione e revisione regolamento di condominio, ecc. validità delibere inerenti le innovazioni (art. 1120 C.C.)
in prima convocaz. 2/3 dei partecipanti al condominio 2/3 del valore millesimaleaggioranza degli intervenuti in assemblea 50% del valore millesimale maggioranza degli intervenuti in assemblea 50% del valore millesimale maggioranza dei partecipanti al condominio 2/3 del valore millesimale
in seconda convocaz. 1/3 dei partecipanti al condominio 1/3 del valore millesimale 1/3 dei partecipanti del condominio 1/3 del valore millesimale 1/3 + uno dei partecipanti al condominio 50% del valore millesimale maggioranza dei partecipanti al condominio 2/3 del valore millesimale

Partecipazione dell'inquilino conduttore (cioè chi vive in affitto in un appartamento facente parte del condominio)
(Art. 10, legge n. 392/78)
L'art. 10 stabilisce che il conduttore ha diritto di voto, in luogo del proprietario dell'appartamento locatogli, nelle delibere dell'assemblea condominiale relative alle spese e alle modalità di gestione dei servizi di riscaldamento e di condizionamento dell'aria (Cass. Sez. III, 3 aprile 1990, n. 2762). Stabilisce, inoltre, il diritto del conduttore di intervenire, senza diritto di voto, sulle delibere relative alla modificazione degli altri servizi comuni. Si è osservato in giurisprudenza, che la legge si è limitata a stabilire un meccanismo per consentire la partecipazione del conduttore alle assemblee condominiali, ma deve escludersi che i conduttori possano sostituirsi al locatore nella gestione dei servizi condominiali (Cass. Sez. III, 3 agosto 1995, n. 8484).



Volendo tradurre in numeri, affinchè sia più comprensibile la tabella, facciamo un esempio:

prendiamo il punto

"validità delibere su nomina e revoca
amministratore, riparazioni
straordinarie di notevole entità,
formazione e revisione regolamento
 di condominio, ecc.
"

per poter deliberare in seconda convocazione devono essere presenti
  • 1/3 + 1 dei partecipanti al condominio (cioè aventi diritto), che corrisponde a 318/3 + 1= 107 condòmini con diritto di voto
  • inoltre deve essere rappresentata la metà delle quote di proprietà, cioè 10000/2 = 5000 decimillesi
Grazie per l'attenzione e ... buona riunione.



Lascia un commento

Impossibile trovare URL specifiche del gadget



Comments