Ecopolis NEWS‎ > ‎

Miasmi discarica La Martella: COMUNICATO STAMPA

pubblicato 27 giu 2010, 14:21 da Angolo Orso   [ aggiornato in data 27 giu 2010, 23:47 ]
Scrive il Dott. Enzo Massari, Capogruppo in Consiglio Comunale della lista
Stella per Matera ed Adduce:

Per vs. informazione,
Vi riporto il testo integrale del comunicato stampa diffuso sabato 26 giugno u.s., (ed oggi ripreso dagli organi di stampa), a seguito del quale vi è stato un incontro con il Sindaco, nel primo pomeriggio dello stesso giorno, con conseguenti determinazioni da parte dell'amministrazione che hanno sostanzialmente condiviso le nostre richieste finalizzate alla chiusura definitiva dell'impianto e sua delocalizzazione.

Riporto integralmente il testo del comunicato:

I consiglieri comunali della Lista Stella per Matera ed Adduce, condividendo i timori e le preoccupazioni evidenziate dalla cittadinanza ed in particolare dai residenti del Borgo La Martella, rispetto a quanto sta accadendo nelle ultime settimane in tema di gestione dei rifiuti urbani, chiedono al Sindaco Adduce un incontro urgente, nel corso del quale affrontare le problematiche connesse alla gestione della discarica comunale, ed annesso impianto di compostaggio, ed individuare una soluzione definitiva che non può prescindere dalla delocalizzazione dell’impianto.

Nello specifico, il gruppo consiliare della lista Stella , chiederà al Sindaco, il formale impegno dell’amministrazione affinché, attraverso un percorso condiviso con la Regione, si proceda alla delocalizzazione dell’attuale impianto di smaltimento in altro sito, lontano da insediamenti residenziali, chiudendo definitivamente e bonificando l’area dell’attuale discarica nonché l’obsoleto ed inefficiente impianto di compostaggio. Impianto, quest’ultimo, da cui periodicamente si sprigionano i miasmi che attanagliano il Borgo La Martella con grave disagio per i suoi residente (l’ultimo episodio è avvenuto lo scorso 17 giugno). Tale chiusura dovrà, ovviamente, essere programmata ad esaurimento dei volumi dell’attuale settore in uso (5° vasca ), dando, così, seguito alla delibera di Consiglio Comunale del 27 dicembre 2006, votata all’unanimità. La capacità residua della 5^ vasca, stimata in circa 60.000/70.000 mc., rispetto all’attuale tasso di produzione e conferimento dei rifiuti della Città di Matera, ci consente, infatti, di avere un autonomia di circa 2/2,5 anni; un tempo sufficiente (se si parte oggi) per programmare, progettare e realizzare un nuovo impianto in altro sito.

Precisiamo, inoltre,  che , per senso di responsabilità e solidarietà, non siamo aprioristicamente contrari nel venire incontro alle difficoltà connesse all’”emergenza” rifiuti che colpisce alcuni comuni della provincia di Potenza, visto che in passato, in momenti di eguali difficoltà, il nostro comune ha utilizzato la discarica di Pomarico, tuttavia, tale nostra “disponibilità” deve essere limitata ad un piccolo quantitativo e soprattutto deve essere subordinata al formale impegno :  1) di chiudere l’attuale impianto, 2)di  verificare se la residua capacità della discarica, con tale conferimento aggiuntivo, possa consentire in ogni caso di avere un tempo sufficiente a realizzare detta delocalizzazione, 3) le somme incassate quale corrispettivo per lo smaltimento rifiuti dei comuni del potentino siano “vincolati” al progetto di delocalizzazione.

La realizzazione di un impianto di “nuova generazione”, oltre a risolvere i problemi dei residenti del Borgo La Martella, potrà consentire una gestione più efficiente del ciclo di smaltimento rifiuti;- poiché inserito all’interno della pianificazione dell’ATO rifiuti regionali (ente che ha la competenza in materia di programmazione e gestione dell’impiantistica)-, consentendo alla città di Matera di avere un risparmio complessivo nei costi di smaltimento dei rifiuti. Una soluzione, concludendo, che dovrà essere “strutturale”, superando la logica dell’emergenza, ed a cui dovrà essere, necessariamente, affiancata, una più efficiente gestione del servizio di raccolta; servizio che va assolutamente potenziato, al fine di incrementare la quota di raccolta differenziata, unica soluzione per ridurre il volume dei rifiuti che vanno in discarica.

Il Capogruppo

Enzo Massari

Comments