Ecopolis NEWS‎ > ‎

FUOCHI D'ARTIFICIO !

pubblicato 1 ago 2012, 02:59 da Angolo Orso
Qualche sera fa, era domenica per la precisione, abbiamo assistito a uno spettacolo di fuochi pirotecnici. Sembrava provenissero dalla zona a nord del comprensorio.  A qualcuno avrà fatto piacere, mentre per molti altri è stata una sveglia rumorosa: era circa mezzanotte !

Al di là dei commenti (più che altro improntati alla riprovazione!) raccolti in giro per il comprensorio tra i condòmini di Ecopolis, mi sembra opportuno ricordare alcune piccole regole per la convivenza civile:
  1. abbiamo un regolamento di comprensoriale che detta i limiti temporali per svolgere attività, diciamo così, rumorose;
  2. c'è una serie di norme che specificano cosa si deve fare per poter "disturbare" in sicurezza la quiete altrui.
I riferimenti legislativi sono l'art. 57 TULPS (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza) e gli artt. 81, 101, 110 del relativo Regolamanto di esecuzione, oltre agli artt. da 8 a 14 per le autorizazioni di polizia in generale. Ma specifica sul punto e molto dettagliata è precisa la circolare ministeriale n. 559/c.25055 dell'11.01.2001.



Iniziamo a vedere di cosa si tratta. Leggiamo attentamente !!!

Art. 57 TULPS
Senza licenza della autorità locale di pubblica sicurezza non possono spararsi armi da fuoco né lanciarsi razzi, accendersi fuochi di artificio, innalzarsi aerostati con fiamme, o in genere farsi esplosioni o accensioni pericolose in un luogo abitato o nelle sue adiacenze o lungo una via pubblica o in direzione di essa.
E’ vietato sparare mortaretti e simili apparecchi.


Art. 101 REGOLAMENTO TULPS
Chi chiede la licenza per fabbricare o accendere fuochi d'artificio deve ottenere un certificato di idoneità rilasciato dal Prefetto su conforme parere della commissione tecnica prevista dall'art. 49 del testo unico 18 giugno 1931, n. 773, integrata da due ispettori del lavoro, di cui uno laureato in ingegneria o chimica e l'altro in medicina.
L'aspirante deve dimostrare, mediante un esperimento pratico, la conoscenza delle sostanze impiegate nella preparazione dei fuochi artificiali e la tecnica della fabbricazione e dell'accensione dei fuochi.
Tiene luogo del certificato di cui al primo comma di questo articolo il certificato di idoneità rilasciato da un laboratorio pirotecnico governativo o da un centro militare di esperienze abilitato al rilascio di diplomi di artificieri.
Ai componenti della commissione è corrisposto, a carico dell'Amministrazione dell'Interno, il gettone di presenza nella misura stabilita dalle vigenti disposizioni.
Gli interessati, all'atto della richiesta intesa ad ottenere la licenza di cui al primo comma, dovranno versare a favore dell'erario, presso la competente sezione di tesoreria provinciale dello Stato, la somma di € 1,00.

Art. 110 REGOLAMENTO TULPS
E’ soggetta alla licenza contemplata dall'art. 57 della Legge la costruzione di impianti provvisori elettrici per straordinarie illuminazioni pubbliche, in occasione di festività civili o religiose o in qualsiasi altra contingenza.
La licenza non può essere rilasciata a chi non dimostri la propria capacità tecnica, con qualunque mezzo ritenuto idoneo dall'autorità di pubblica sicurezza.
Gli spari, le esplosioni e le accensioni diverse da quelle contemplate al primo comma del presente articolo non possono compiersi che in luogo sufficientemente lontano dalla folla, in modo da prevenire danni o infortuni.
Obbligatoria l'assistenza della forza pubblica.

Qui sotto troverete il testo integrale della circolare ministeriale n. 559/c.25055 dell'11.01.2001.

ĉ
Angolo Orso,
1 ago 2012, 02:59
Comments